Il linfedema degli arti inferiori, primario o secondario (più spesso associato a linfoadenectomia locoregionale oncologica ed eventuale radioterapia), rappresenta una condizione patologica cronico-degenerativa ed evolutiva, caratterizzata dal rallentamento più o meno marcato della circolazione linfatica in seno ai tessuti di tipo connettivale, solitamente soprafasciali, prevalentemente nel tessuto ipodermico. La storia naturale della malattia trascurata, o non adeguatamente curata, comporta una evoluzione progressiva sia a causa dell’edema ingravescente sia soprattutto a causa delle reazioni connettivali suscitate dalla stasi linfatica e dal conseguente accumulo di proteine e di cellule (macrofagi o istiociti, cellule di Langerhans, cellule tessutali alterate).

Continua a leggere l’articolo “ULCERE LINFATICHE